Passa ai contenuti principali

Translate

LIBRI - FRANCESCO PETRARCA - CANZONIERE - PARTE XXIV

FRANCISCI PETRARCHE LAUREATI POETE
RERUM VULGARIUM FRAGMENTA

RIME SPARSE

DI FRANCESCO PETRARCA POETA LAUREATO




  CXVII
 
Se 'l sasso ond' è piú chiusa questa valle,
di che 'l suo proprio nome si deriva,
tenesse volto per natura schiva
a Roma il viso ed a Babel le spalle,

i miei sospiri piú benigno calle
avrian per gire ove lor spene è viva;
or vanno sparsi, e pur ciascuno arriva
là dov' io il mando, ché sol un non falle;

e son di là sí dolcemente accolti,
com' io m' accorgo, che nessun mai torna:
con tal diletto in quelle parti stanno.

De gli occhi è 'l duol; che, tosto che s' aggiorna,
per gran desio de' be' luoghi a lor tolti,
dànno a me pianto, ed a' pie' lassi affanno.

 
CXVIII
 
Rimansi a dietro il sestodecimo anno
de' miei sospiri, ed io trapasso inanzi
verso l' estremo; e parmi che pur dianzi
fosse 'l principio di cotanto affanno.

L'amar m' è dolce, ed util il mio danno,
e 'l viver grave; e prego ch'egli avanzi
l' empia fortuna; e temo no chiuda anzi
morte i begli occhi che parlar mi fanno.

Or qui son, lasso, e voglio esser altrove;
e vorrei piú volere, e piú non voglio;
e per piú non poter, fo quant' io posso;

e d' antichi desir' lagrime nove
provan com' io son pur quel ch' i' mi soglio,
né per mille rivolte ancor son mosso.

 
CXIX
 
Una donna piú bella assai che 'l sole
e piú lucente e d' altrettanta etade,
con famosa beltade,
acerbo ancor mi trasse a la sua schiera.
Questa in penseri, in opre ed in parole
(però ch' è de le cose al mondo rade),
questa per mille strade
sempre inanzi mi fu leggiadra altera.
Solo per lei tornai da quel ch' i' era,
poi ch' i' soffersi gli occhi suoi da presso;
per suo amor m' er' io messo
a faticosa impresa assai per tempo;
tal che s' i' arrivo al disiato porto,
spero per lei gran tempo
viver, quand'altri mi terrà per morto.

Questa mia donna mi menò molt' anni
pien di vaghezza giovenile ardendo,
sí come ora io comprendo,
sol per aver di me piú certa prova,
mostrandomi pur l' ombra o 'l velo o' panni
talor di sé, ma 'l viso nascondendo;
ed io, lasso, credendo
vederne assai, tutta l' età mia nova
passai contento, e 'l rimembrar mi giova,
poi ch' alquanto di lei veggi' or piú inanzi.
I' dico che pur dianzi,
qual io non l' avea vista infin allora
mi si scoverse; onde mi nacque un ghiaccio
nel core, ed evvi ancora
e sarà sempre fin ch' i' le sia in braccio.

Ma non mel tolse la paura o 'l gelo
che pur tanta baldanza al mio cor diedi
ch' i' le mi strinsi a' piedi
per piú dolcezza trar de gli occhi suoi;
ed ella, che remosso avea già il velo
dinanzi a' miei, mi disse: « Amico, or vedi
com' io son bella, e chiedi
quanto par si convenga agli anni tuoi ».
« Madonna », dissi « già gran tempo in voi
posi 'l mio amor ch' i' sento or sí infiammato,
ond' a me in questo stato
altro voler o disvoler m' è tolto ».
Con voce allor di sí mirabil tempre
rispose, e con un volto
che temer e sperar mi farà sempre:

« Rado fu al mondo, fra cosí gran turba,
ch' udendo ragionar del mio valore
non si sentisse al core
per breve tempo almen qualche favilla;
ma l'avversaria mia che 'l ben perturba,
tosto la spegne, ond' ogni vertú more,
e regna altro signore
che promette una vita piú tranquilla.
De la tua mente Amor, che prima aprilla,
mi dice cose veramente ond' io
veggio che 'l gran desio
pur d'onorato fin ti farà degno;
e come già se' de' miei rari amici,
donna vedrai per segno
che farà gli occhi tuoi via piú felici ».

I' volea dir: « Quest' è impossibil cosa »,
quand' ella: « Or mira (e leva' gli occhi un poco
in piú riposto loco)
donna ch' a pochi si mostrò già mai ».
Ratto inchinai la fronte vergognosa
sentendo novo dentro maggior foco,
ed ella il prese in gioco,
dicendo: « I' veggio ben dove tu stai:
sí come 'l sol con suoi possenti rai
fa subito sparire ogni altra stella,
cosí par or men bella
la vista mia cui maggiore luce preme;
ma io però da' miei non ti diparto,
ché questa e me d' un seme,
lei davanti e me poi, produsse un parto ».

Ruppesi intanto di vergogna il nodo
ch' a la mia lingua era distretto intorno
su nel primiero scorno
allor quand' io del suo accorger m' accorsi,
e 'ncominciai: « S'egli è ver quel ch' i' odo,
beato il padre e benedetto il giorno
ch' à di voi il mondo adorno
e tutto 'l tempo ch' a vedervi io corsi!
e se mai da la via dritta mi torsi,
duolmene forte assai piú ch' i' non mostro,
ma se de l'esser vostro
fossi degno udir piú, del desir ardo ».
Pensosa mi rispose, e cosí fiso
tenne il suo dolce sguardo
ch' al cor mandò co le parole il viso.

« Sí come piacque al nostro eterno padre,
ciascuna di noi due nacque immortale.
Miseri, a voi che vale?
Me' v' era che da noi fosse il defetto.
Amate, belle, gioveni e leggiadre
fummo alcun tempo; ed or siam giunte a tale,
che costei batte l' ale
per tornar a l' antico suo ricetto;
i' per me sono un' ombra. Ed or t' ò detto
quanto per te sí breve intender puossi ».
Poi che i piè suoi fur mossi,
dicendo: « Non temer ch' i' mi allontani »,
di verde lauro una ghirlanda colse,
la qual co le sue mani
intorno intorno a le mie tempie avolse.

Canzon, chi tua ragion chiamasse oscura,
di': « Non ò cura, perché tosto spero
ch' altro messaggio il vero
farà in piú chiara voce manifesto.
I' venni sol per isvegliare altrui,
se chi m' impose questo
non m' inganò, quand' io partí' da lui ».

 
CXX
 
Quelle pietose rime in ch' io m' accorsi
di vostro ingegno e del cortese affetto,
èbben tanto vigor nel mio conspetto
che ratto a questa penna la man porsi,

per far voi certo che gli estremi morsi
di quella ch' io con tutto 'l mondo aspetto
mai non sentí', ma pur senza sospetto
infin a l'uscio del suo albergo corsi;

poi tornai indietro, perch' io vidi scritto
di sopra 'l limitar che 'l tempo ancora
non era giunto al mio viver prescritto,

bench' io non vi legessi il dí né l'ora.
Dunque s' acqueti omai 'l cor vostro afflitto
e cerchi uom degno, quando sí l'onora.

 
CXXI
 
Or vedi, Amor, che giovenetta donna
tuo regno sprezza, e del mio mal non cura,
e tra duo ta' nemici è sí secura.

Tu se' armato, ed ella in treccie e 'n gonna
si siede e scalza in mezzo i fiori e l'erba,
ver me spietata e 'ncontr' a te superba.

I' son pregion; ma se pietà ancor serba
l' arco tuo saldo e qualcuna saetta,
fa di te e di me, Signor, vendetta.

 
CXXII
 
Dicesette anni à già rivolto il cielo
poi che 'mprima arsi, e già mai non mi spensi;
ma quando avèn ch' al mio stato ripensi,
sento nel mezzo de le fiamme un gielo.

Vero è 'l proverbio, ch' altri cangia il pelo
anzi che 'l vezzo, e per lentar i sensi
gli umani affetti non son meno intensi:
ciò ne fa l'ombra ria del grave velo.

Oimè lasso! e quando fia quel giorno
che mirando il fuggir de gli anni miei
esca del foco e di sí lunghe pene?

Vedrò mai il dí che pur quant' io vorrei
quel' aria dolce del bel viso adorno
piaccia a quest' occhi, e quanto si convene?

 
CXXIII
 
Quel vago impallidir che 'l dolce riso
d' un' amorosa nebbia ricoperse,
con tanta maiestade al cor s' offerse
che li si fece incontr' a mezzo 'l viso.

Conobbi allor sí come in paradiso
vede l' un l' altro, in tal guisa s' aperse
quel pietoso penser, ch' altri non scerse;
ma vidil io, ch' altrove non m' affiso.

Ogni angelica vista, ogni atto umile,
che già mai in donna ov' amor fosse apparve,
fora uno sdegno a lato a quel ch' i' dico.

Chinava a terra il bel guardo gentile
e tacendo dicea, come a me parve:
« Chi m' allontana il mio fedele amico? »

 
CXXIV
 
Amor, Fortuna e la mia mente schiva
di quel che vede, e nel passato volta,
m' affligon sí ch' io porto alcuna volta
invidia a quei che son su l'altra riva.

Amor mi strugge 'l cor, Fortuna il priva
d' ogni conforto: onde la mente stolta
s'adira e piange, e cosí in pena molta
sempre conven che combattendo viva.

Né spero i dolci dí tornino indietro,
ma pur di male in peggio quel ch' avanza;
e di mio corso ò già passato 'l mezzo.

Lasso, non di diamante, ma d'un vetro
veggio di man cadermi ogni speranza,
e tutti miei pensier' romper nel mezzo.

 
CXXV
 
Se 'l pensier che mi strugge,
com' è pungente e saldo
cosí vestisse d' un color conforme,
forse tal m' arde e fugge,
ch' avria parte del caldo,
e desteriasi Amor là dov' or dorme;
men solitarie l' orme
foran de' miei pie' lassi
per campagne e per colli,
men gli occhi ad ognor molli,
ardendo lei che come un ghiaccio stassi
e non lascia in me dramma
che non sia foco e fiamma.

Però ch' Amor mi sforza
e di saver mi spoglia,
parlo in rime aspre e di dolcezza ignude;
ma non sempre a la scorza
ramo né in fior né 'n foglia
mostra di for sua natural vertude.
Miri ciò che 'l cor chiude
Amor e que' begli occhi
ove si siede a l' ombra.
Se 'l dolor che si sgombra
aven che 'n pianto o in lamentar trabocchi,
l' un a me noce, e l'altro
altrui, ch' io non lo scaltro.

Dolci rime leggiadre
che nel primiero assalto
d'Amor usai quand'io non ebbi altr' arme,
chi verrà mai che squadre
questo mio cor di smalto,
ch' almen, com' io solea, possa sfogarme?
Ch' aver dentro a lui parme
un che Madonna sempre
depinge e de lei parla:
a voler poi ritrarla
per me non basto, e par ch' io me ne stempre;
lasso, cosí m' è scorso
lo mio dolce soccorso!

Come fanciul ch' a pena
volge la lingua e snoda,
che dir non sa, ma 'l piú tacer gli è noia,
così 'l desir mi mena
a dire, e vo' che m' oda
la dolce mia nemica anzi ch' io moia.
Se forse ogni sua gioia
nel suo bel viso è solo,
e di tutt' altro è schiva,
odil tu, verde riva,
e presta a' miei sospir' sí largo volo
che sempre si ridica
come tu m' eri amica.

Ben sai che sí bel piede
non tocchò terra unquanco
come quel dí che già segnata fosti;
onde 'l cor lasso riede
col tormentoso fianco
a partir teco i lor pensier' nascosti.
Cosí avestú riposti
de' be' vestigi sparsi
ancor tra' fiori e l' erba,
che la mia vita acerba
lagrimando trovasse ove acquetarsi!
Ma come pò s' appaga
l' alma dubbiosa e vaga.

Ovunque gli occhi volgo
trovo un dolce sereno
pensando: « Qui percosse il vago lume ».
Qualunque erba o fior colgo
credo che nel terreno
aggia radice, ov' ella ebbe in costume
gir fra le piagge e 'l fiume,
e talor farsi un seggio
fresco, fiorito e verde.
Cosí nulla se 'n perde,
e piú certezza averne fora il peggio.
Spirto beato, quale
se' quando altrui fai tale?

O poverella mia, come se' rozza!
credo che tel conoschi:
rimanti in questi boschi.

Commenti

Visualizzazioni totali