sabato 31 dicembre 2016

MUSICA - IL DIRETTORE D'ORCHESTRA

Il Direttore di una Orchestra è LA figura principale che guida l'Orchestra o un Gruppo di Musicisti in un brano di Musica.
Uno dei ruoli più importanti del Direttore è ' L'Interpretazione ' ovvero le scelte musicali e ' istruendo ' l'Orchestra, i Solisti, i Coristi il proprio punto di vista e come ' vuole ' interpretare il tal pezzo.
Altro ruolo è il ' dare la coordinazione ' ai Musicisti. dando il tempo ' giusto ' per il brano, dando ' gli attacchi ' alle varie parti dell'Orchestra, del Coro e così via.
Il ruolo del Direttore ha avvio all'inizio del 1800. Prima di allora le varie Orchestre erano dirette dal Compositore stesso che sedeva di solito al Clavicembalo.
In assenza del Compositore, il primo Violino guidava l'Orchestra.
Sempre nel 1800 molti Musicisti si occuparono della Direzione dell'Orchestra come L. Spohr, C.M. von Weber, F. Mendelssohn-Bartoldy, G. Mahler e H. Berlioz.

L'arte di condurre una Orchestra consiste, principalmente, nel comunicare le intenzioni artistiche da parte del Direttore ai Musicisti.
L'utilizzo della ' famosa ' bacchetta ' è una opinione divergente da parte di molti Direttori.
Alcuni ritengono INDISPENSABILE il suo utilizzo; altri la ritengono OBSOLETA e preferisco dirigere con le due mani  ' libere '.

ARTE – POLONIA – ‘ LA DAMA CON L’ERMELLINO ‘ DIVENTA DI PROPRIETA’ PUBBLICA

‘ La Dama con l’ermellino ‘ di Leonardo da Vinci diventa di proprietà pubblica.

Il Governo polacco ha infatti acquistato, per un prezzo stracciato questo Capolavoro assieme a una Collezione che comprende 86.000 Oggetti Museali.

‘ La Dama con l’ermellino ‘ da oltre 2 Secoli appartiene ai nobili Czartoryski, unico caso di Dipinto leonardesco di proprietà privata.


Ora il Principe Adam Karol ha deciso di cedere al Governo di Varsavia l’intera Collezione creata dalla sua antenata Izabela Czartoryska per una cifra simbolica : 100.000.000 di Euro a fronte di un valore complessivo stimato in circa 2.000.000.000 di Euro.

CINEMA – IL MUSEO DEL CINEMA DI TORINO NON HA PIU’ BARBERA COME DIRETTORE

Il Museo Nazionale del Cinema di Torino ora resta senza Direttore.

Dopo l’annullamento del Bando di Ricerca per le differenti vedute tra Regione Piemonte e Comune di Torino ( e te pareva..), principali Soci dell’Ente, Alberto Barbera, a cui era stato proposto di proseguire per un altro anno nell’incarico, ha declinato l’offerta.


Lo fa sapere il Comitato di gestione del Museo, che valuterà con Barbera ‘ i termini di una consulenza di coordinamento artistico ‘.

MUSICA – MORTO IL PRIMO MANAGER DEI BEATLES

Ancora un lutto nel Mondo della Musica.

Ieri a Liverpool è morto Allan Williams primo Manager dei Beatles.

Lo riportano i media inglesi.

Williams aveva 86 anni.


Aveva conosciuto Lennon, McCartney, Harrison e Stuart Surcliffe ( bassista dei Beatles dal 1960 al ’61 ) nel suo bar di Liverpool, il ‘ Jacaranda ‘ e all’inizio non aveva molta fiducia in loro : ‘ mi sembravano un branco di fannulloni ‘, scrisse nella sua Biografia.

IL CAPODANNO SECONDO ANTONIO GRAMSCI

Ogni mattino, quando mi risveglio ancora sotto la cappa del cielo, sento che per me è Capodanno.

Perciò odio questi capodanni a scadenza fissa che fanno della vita e dello spirito umano un’azienda commerciale col suo bravo consuntivo, e il suo bilancio e il preventivo per la nuova gestione. Essi fanno perdere il senso della continuità della vita e dello spirito. Si finisce per credere sul serio che tra anno e anno ci sia una soluzione di continuità e che incominci una novella istoria, e si fanno propositi e ci si pente degli spropositi, ecc. ecc. È un torto in genere delle date.

Dicono che la cronologia è l’ossatura della Storia; e si può ammettere. Ma bisogna anche ammettere che ci sono quattro o cinque date fondamentali, che ogni persona per bene conserva conficcate nel cervello, che hanno giocato dei brutti tiri alla Storia. Sono anch'essi capodanni. Il Capodanno della storia romana, o del Medioevo, o dell’età moderna.

E sono diventati così invadenti e così fossilizzanti che ci sorprendiamo noi stessi a pensare talvolta che la vita in Italia sia incominciata nel 752, e che il 1490 0 il 1492 siano come montagne che l’umanità ha valicato di colpo ritrovandosi in un nuovo mondo, entrando in una nuova vita. Così la data diventa un ingombro, un parapetto che impedisce di vedere che la storia continua a svolgersi con la stessa linea fondamentale immutata, senza bruschi arresti, come quando al cinematografo si strappa il film e si ha un intervallo di luce abbarbagliante.

Perciò odio il Capodanno. Voglio che ogni mattino sia per me un Capodanno. Ogni giorno voglio fare i conti con me stesso, e rinnovarmi ogni giorno. Nessun giorno preventivato per il riposo. Le soste me le scelgo da me, quando mi sento ubriaco di vita intensa e voglio fare un tuffo nell'animalità per ritrarne nuovo vigore.

Nessun travettismo spirituale. Ogni ora della mia vita vorrei fosse nuova, pur riallacciandosi a quelle trascorse. Nessun giorno di tripudio a rime obbligate collettive, da spartire con tutti gli estranei che non mi interessano. Perché hanno tripudiato i nonni dei nostri nonni ecc., dovremmo anche noi sentire il bisogno del tripudio. Tutto ciò stomaca.


Aspetto il Socialismo anche per questa ragione. Perché scaraventerà nell'immondezzaio tutte queste date che ormai non hanno più nessuna risonanza nel nostro spirito e, se ne creerà delle altre, saranno almeno le nostre, e non quelle che dobbiamo accettare senza beneficio d’inventario dai nostri sciocchissimi antenati.

Antonio Gramsci - 1 Gennaio 1916

GIOVANNI BOLDINI

Giovanni Boldini, nasce il 31 Dicembre 1842, muore il 11 Gennaio 1931.
Pittore italiano.

Opere ( parziale ) :

Il cortile della casa paterna
Autoritratto giovanile
Ritratto di Lilia Monti nata contessa Magnoni
Autoritratto mentre osserva un quadro
Ritratto di Enea Vendeghini
Ritratto di Giuseppe Abbati
Fattori nel suo studio (l'atelier d'un peintre)
L'amatore delle arti
Il pittore Cristiano Banti con canna da passeggio e sigaro
Ritratto di Lionetto Banti bambino
Ritratto di Alaide Banti in abito bianco
Ritratto di Diego Martelli
Il generale Esteban José Andrès de Saravalle de Assereto
Marina
Pagliaio
Palme e aranci
Contadina che raccoglie biancheria (la stesa del bucato)
Le sorelle Laskaraki
Ritratto di Mary Donegani
Vista sul Castello Estense (dalla soffitta a Ferrara)
Ritratto di signora con i fiori
L'isola di San Giorgio a Venezia
Attraversando la strada
Gossip (Chiacchiere)
Coppia in abito spagnolo con due pappagalli
Strada maestra a Combes-la-Ville
Conversazione
Morning stroll (passeggiata mattutina)
Place Clichy
La Senna a Bougival
Le Lavandaie
Berthè in giardino
La passeggiata estiva
Nel Giardino
Periferia parigina
Il giovane marchese
Attraversando la strada
Uscita da un ballo mascherato
Due cavalli bianchi
Due figure in maschera (dopo il veglione)
"Berthè che legge la dedica su un ventaglio"
La contessa Gabrielle de Rasty seduta sul divano
Il dispaccio (The Dispatch-Bearer)
Il giornalaio (strillone parigino)
Casa in costruzione
Omnibus a Place Pigalle,
Il maestro Emanuele Muzio sul podio
Ritratto di Henri de Rochefort-Luçay
Alice Regnault a cavallo (L'amazzone)
Notturno a Montmartre
Cantante mondana
Ritratto di Giuseppe Verdi in cilindro
Ritratto di Giuseppe Verdi seduto
Carro con cavalli alla porta d'Asnières
Ritratto di Emiliana Concha de Ossa detto Pastello bianco
Ritratto della contessa de Leusse, nata Berthier
La colonnade a Versailles
Mercato delle erbe a Verona
Il pittore John Lewis Brown con moglie e figlia
Ritratto del piccolo Subercaseaux
Autoritratto a Montorsoli
Lady Colin Campbell
Ritratto di Adolph Menzel
Nudo di schiena
Ritratto di Madame Charles Max
La cornice dorata (Interno dello studio dell'artista)
Ritratto di Madame Veil-Picard
Un angolo della mensa del pittore
Robert de Montesquiou
Il ritorno dei dragoni
S.A.R. La principessa Eulalia di Spagna
Il busto del Cardinale del Bernini nello studio del pittore
Canale a Venezia con gondole
Cléo de Mérode
Miss Bel
Ritratto di Madame Marthe Régnieer
Ritratto della contessa Zichy
Rose in un vaso di Sassonia
Ritratto di Mademoiselle Lanthèlme
La marchesa Luisa Casati con un levriero
La passeggiata al Bois de Boulogne
Ritratto di Madame Eugène Doyen
La signora Lyding
Autoritratto a sessantanove anni
Ritratto della Marchesa Luisa Casati con penne di pavone
Mademoiselle De Gillespie
Ritratto di Josefina Alvear de Errazuriz
La signora in rosa - Ritratto di Olivia de Subercaseaux Concha
Lady Michelham

Ritratto di Emilia Cadorna 

Il famosissimo Ritratto di Giuseppe Verdi

GIOVANNI PASCOLI

Giovanni Agostino Placido Pascoli, nasce a San Mauro di Romagna, il 31 Dicembre 1855, muore il 6 Aprile 1912.

Poeta e Accademico italiano, figura emblematica della Letteratura Italiana di Fine '800.
Pascoli, nonostante la sua formazione eminentemente positivistica, è, insieme a G. D'Annunzio, il maggior Poeta decadente italiano.

Dal ' Fanciullino ', articolo programmatico pubblicato per la prima volta nel 1897, emerge una concezione intima e interiore del sentimento poetico, orientato alla valorizzazione del particolare e del quotidiano e al recupero di una dimensione infantile e quasi primitiva. D'altra parte, solo il poeta può esprimere la voce del "Fanciullino" presente in ognuno: quest'idea consente a Pascoli di rivendicare per sé il ruolo, per certi versi ormai anacronistico, di "poeta vate", e di ribadire allo stesso tempo l'utilità morale ( specialmente consolatoria ) e civile della poesia.

Pur non partecipando attivamente ad alcun Movimento Letterario dell'Epoca, né mostrando particolare propensione verso la poesia europea contemporanea ( al contrario di D'Annunzio ), Pascoli manifesta nella propria produzione tendenze prevalentemente spiritualistiche e idealistiche, tipiche della cultura di fine secolo segnata dal progressivo esaurirsi del positivismo.

Complessivamente, la sua Opera appare percorsa da una tensione costante tra la vecchia tradizione classicista ereditata dal Maestro Giosuè Carducci, e le nuove tematiche decadenti. Risulta infatti difficile comprendere il vero significato delle sue opere più importanti, se si ignorano i dolorosi e tormentosi presupposti biografici e psicologici che egli stesso riorganizzò per tutta la vita, in modo ossessivo, come sistema semantico di base del proprio mondo poetico.

ALESSANDRO LONGO

Alessandro Longo, nasce ad Amantea il 31 Dicembre 1864, muore nel 1945.

Compositore, Pianista, Musicologo.

Opere :

Composizioni :
Suite romantica
Album lyrique
Nupitalia, suite di tre pezzi
24 piccoli pezzi
Variazioni su un tema ungherese
12 studi di terze
24 piccoli studi di arpeggi
24 pezzi caratteristici
6 studi di seste
40 studietti melodici
6 studi d'ottava
Foglie d'autunno
Preludio e improvviso
Lirica, suite di quattro pezzi
3 intermezzi
18 pezzi originali
30 studietti romantici
24 preludietti
48 piccoli preludi
12 mosaici musicali

Tecnica pianistica
Scale di terze e di seste
sette sonate per Pianoforte a quattro mani
Souvenir de l'enfance
Sérénade
6 piccole suites
per due Pianoforti :
Tema con variazioni
6 divertimenti facili

per Arpa :
suite di tre pezzi
Tema con variazioni
6 pezzi

Musica da camera :
quintetto per archi e pianoforte
suite per violino e pianoforte
suite per violoncello e pianoforte
suite per viola e pianoforte
suite per clarinetto e pianoforte
suite per oboe e pianoforte
suite per flauto e pianoforte
suite per fagotto e pianoforte

Musica vocale da camera :
Idillio di un anno


Scritti :

Fronde sparse
D. Scarlatti e la sua figura nella storia della musica
Symphonia

ANTHONY HOPKINS

Sir Philip Anthony Hopkins, meglio conosciuto come Anthony Hopkins, nasce a Port Talbot ( Inghilterra ) il 31 Dicembre 1937.
Attore di Fama Mondiale.

Attore completo con Studi di Teatro Classicodopo una lunga gavetta televisiva negli Anni '70, partecipa sul grande schermo a diverse trasposizioni di Opere Classiche, ma ottiene la Fama Mondiale, e relativo Premio oscar al miglior Attore Protagonista, con l'inquietante e magistrale interpretazione di Hannibal Lecter nel Film ' Il Silenzio degli Innocenti ' di J. Demme.

"L'espressione calma, l'aspetto distinto e la Voce pacata sono tratti caratteristici che rendono ancora più spaventosi i suoi improvvisi scoppi d'ira o di violenza".

Raggiunta la notorietà internazionale nel ruolo di Lecter, Hopkins parteciperà anche alle successive pellicole ' Hannibal e Red Dragon, tratti dagli omonimi Romanzi dello Scrittore T. Harris.

Filmografia

Attore :

  • Il Bus Bianco
  • Il Leone d'inverno
  • Lo Specchio delle spie
  • Amleto
  • Ora Zero : Operazione Oro
  • Gli Anni dell'Avventura, regia di R. Attenborough
  • Casa di Bambola
  • The Girl from Petrovka
  • Juggernaut
  • Audrey Rose
  • Quell'ultimo Ponte, regia di R. Attenborough
  • Una Corsa sul Prato
  • The Elephant Man, regia di D. Lynch
  • In Amore si cambia
  • Il Bounty
  • The Good Father
  • 84 Charing Cross Road
  • L'Irlandese
  • L'Opera del seduttore
  • Ore disperate, regia di M. Cimino
  • Il Silenzio degli Innocenti
  • Freejack
  • Spotswood
  • Casa Howard, regia di J. Ivory
  • Dracula di Bram Stoker, regia di F. Ford Coppola
  • Charlot, regia di R. Attenborough
  • The Trial
  • The Innocent
  • Quel che resta del giorno, regia di J. Ivory
  • Viaggio in Inghilterra, regia di R. Attenborough
  • Morti di salute
  • Vento di passioni
  • Gli intrighi del potere – Nixon, regia di O. Stone
  • August
  • Surviving Picasso, regia di J. Ivory
  • L'urlo dell'odio
  • Amistad, regia di S. Spielberg
  • Spice Girls
  • la Maschera di Zorro
  • Vi presento Joe Black
  • Instinct
  • Titus
  • Mission Impossible II
  • Hannibal, regia di R. Scott
  • Cuori in Atlantide
  • Bad Company
  • Red Dragon
  • La macchia umana
  • Alexander, regia di O. Stone
  • Proof
  • Indian
  • Bobby
  • Tutti gli Uomini del Re
  • Shortcut Happiness, regia di A. Baldwin
  • Il caso Thomas Crawford
  • Slipstream
  • La leggenda di Beowulf, regia di R. Zemeckis
  • Quella sera dorata, regia di J. Ivory
  • Wolfman
  • Incontrerai l'Uomo dei tuoi sogni, regia di W. Allen
  • Il Rito
  • Thor
  • Passioni e desideri
  • Hitchcock
  • Red 2
  • Thor 2
  • Noah
  • Premonitions
  • Go with me
  • Collide


Premi e Riconoscimenti :

Premio Oscar : 1992
Golden Globe : 2006

HENRI MATISSE

Henri Émile Benoît Matisse, nasce in Francia il 31 Dicembre 1869, muore il 3 Novembre 1954.
Pittore, Incisore, Illustratore e Scultore.
Matisse è uno dei più noti artisti del Ventesimo Secolo, esponente di maggior spicco della Corrente Artistica dei Fauves.


Opere :
  • Natura morta con Libri
  • La Tavola imbandita
  • Lusso, calma e voluttà
  • Madame Matisse
  • Donna con cappello
  • Finestra aperta
  • Gioia di vivere
  • La Stanza rossa
  • Conversazione
  • La Danza
  • Musica
  • I Pesci rossi
  • Nudo Rosa
  • Signora in Blu
  • La Camicetta rumena
  • Jazz
  • La tristezza del Re

Sue Considerazioni :

"Ho lavorato per arricchire la mia intelligenza, per soddisfare le differenti esigenze del mio spirito, sforzando tutto il mio essere alla comprensione delle diverse interpretazioni dell'arte plastica date dagli antichi maestri e dai moderni." Henry Matisse.
(Notes d'un peintre in "La Grande Revue", 25 Dicembre 1908.)

"...Ciò che perseguo sopra ogni cosa,è l'espressione... L'espressione per me, non risiede nella passione che apparirà improvvisa su un volto o che si affermerà con un movimento violento. È tutta la disposizione del mio quadro: il posto che occupano i corpi,i vuoti che sono intorno ad essi, le proporzioni, tutto ciò ha la sua importanza. La Composizione è l'arte di sistemare in modo decorativo i diversi elementi di cui la pittura dispone per esprimere i propri sentimenti... Un'Opera comporta un'armonia d'insieme; qualsiasi particolare superfluo prenderebbe , nello spirito dello spettatore,il posto di un particolare essenziale. La Composizione,che deve puntare all'espressione si modifica con la superficie da coprire.

PAMELA VILLORESI

Maria Pamela Villoresi, meglio nota come Pamela Villoresi, nasce il 1 Gennaio 1957.

Nota Attrice di Teatro, Cinematografica e televisiva.


Filmografia :

  • Diagnosi
  • Marco Visconti
  • Dimmi che fai tutto per me
  • Dedicato a una stella
  • Vizi privati, pubbliche virtù
  • Sahara Cross
  • Il Commissario De Vincenzi
  • Il Gabbiano, regia di M. Bellocchio
  • Effetti speciali, regia di G. Amelio
  • Il Giocattolo
  • Bersaglio altezza Uomo
  • L'Assedio
  • Lulù
  • La Velia
  • Un cappello pieno di pioggia
  • Un foro nel parabrezza
  • Titus, le due croci
  • Splendor, regia di E. Scola
  • Password
  • Pummarò, regia di M. Placido
  • Evelina e i suoi figli
  • Dicembre
  • Una Vita scellerata
  • Il Sole anche di notte, regia di P. e V. Taviani
  • Death has a bad reputation
  • Un Bambino in fuga
  • Il ritorno di Ribot
  • Tassilo Gruber
  • Mosca Cieca
  • Una Donna del Nord
  • Cecilia
  • I banchieri di Dio
  • Un bel servizio
  • Un posto libero
  • Niente è come sembra, regia di F. Battiato
  • Canto di libertà
  • Il Ladro di Giocattoli
  • Era mio fratello
  • Amore 14
  • Amici miei – come tutto ebbe inizio
  • La grande Bellezza, regia di P. Sorrentino
  • Ho ucciso Napoleone

Prosa teatrale :

  • Melologo su Clara Schumann
  • L'Ispettore generale, di N. Gogol
  • Il Re nudo
  • Il Carcere
  • Commedia cauteraria
  • Il Matrimonio di Figaro
  • La Figlia di Iorio, di G. D'Annunzio
  • Cirano
  • Il Campiello, di C. Goldoni, regia di G. Strehler
  • La Venexiana
  • Arlecchino, Servitore di Due Padroni, di Carlo Goldoni, regia di Giorgio Strehler
  • Temporale, regia di Giorgio Strehler
  • Otello, di W. Shakespeare
  • Minna von Barnhelm, regia di Giorgio Strehler
  • La dodicesima notte, di William Shakespeare
  • La tragedia di Didone
  • La fiaccola sotto il moggio, di Gabriele D'Annunzio
  • Les liasons dangereuses
  • Gente di facili costumi, regia di Nino Manfredi
  • Hanging the president
  • Diotima o la vendetta di Eros
  • Il piacere di dirsi addio
  • Marina e l'altro
  • Crimini del cuore, regia di Nanny Loy
  • Curva cieca, di Edoardo Erba
  • Le baruffe chiozzotte, di Carlo Goldoni, regia di Giorgio Strehler
  • L'isola degli schiavi, regia di Giorgio Strehler
  • Le utopie di Mariveaux, regia di Giorgio Strehler (1995)
  • Lapin lapin
  • Taibele e il suo demone
  • Antigone
  • Il mondo non mi deve nulla


ALFONSO BIALETTI

Alfonso Bialetti, nasce ad Omegna il 1 Gennaio 1888, muore nel 1970.
Inventore e Imprenditore.

Operaio fonditore in Francia, dove emigrò giovanissimo, nel 1918 fece ritorno nel natìo Piemonte, dove l'anno successivo a Crusivallo, nel Verbano, aprì una Fonderia, la Alfonso Bialetti & C. - Fonderia in Conchiglia, che produceva semilavorati in alluminio.

Nella sua esperienza lavorativa francese, Bialetti apprese la tecnica di fusione in conchiglia dell'alluminio, che lo orientò verso gli Anni '30 alla progettazione di uno strumento domestico in metallo per la preparazione del Caffè.

Il 1933 fu l'anno dell'invenzione di un apparecchio che rivoluzionò totalmente il metodo della preparazione del caffè, che soppiantò le tradizionali napoletane : la Moka.

La sua produzione venne avviata in quello stesso anno, e fino al Dopoguerra rimase a carattere artigianale con 70.000 pezzi l'anno.

Nel '46, il figlio Renato, che prese le redini dell'azienda, con una efficace strategia aziendale, valorizzò l'invenzione del padre avviando la produzione su scala industriale delle caffettiere e la successiva e intensa pubblicazione dal '53 con "l'omino dei baffi", una caricatura dello stesso Bialetti, creato da Paul Campani.

Da allora la moka si diffuse rapidamente in tutto il mondo, e la sua Produzione riguardò oltre 1 milione di pezzi l'anno.

IVAN GRAZIANI

Ivan Graziani, nasce il 6 Ottobre 1945, muore il 1 Gennaio 1997.

Cantautore e Chitarrista Italiano.


Discografia :
Album :

La Città che io vorrei
Desperation
Tato Tomaso's Guitars
Ballata per 4 stagioni
I Lupi
Pigro
Agnese dolce Agnese
Viaggi e intemperie
Seni e coseni
Ivan Graziani
Nove
Piknic
Ivangarage
Cicli e tricicli
Malelingue
Per sempre Ivan

Live :
Parla tu
Fragili fiori

MARGARET SULLAVAN

Margaret Sullavan, nome d'arte di Margaret Brooke Sullavan Hancock, nasce nel 1909, muore il 1 Gennaio 1960.

Attrice Cinematografica e Attrice Teatrale.

Filmografia :

  • Solo una notte
  • E adesso, pover'uomo?
  • Le Vie della fortuna
  • La Rosa del Sud
  • Ho amato un Soldato
  • Next time we love
  • Nel Mondo della Luna
  • Tre Camerati
  • The Shopworn Angel
  • Ossessione dal passato
  • Scrivimi fermo posta
  • Bufera mortale
  • Così finisce la nostra Notte
  • Gli amanti
  • Amore per appuntamento
  • Angeli all'inferno
  • Non siate tristi per me

SABINO ACQUAVIVA

Sabino Acquaviva, nasce nel 1927, muore il 29 Dicembre 2015.
Sociologo, Giornalista, Scrittore italiano.

Bibliografia :

  • Il seme religioso della rivolta, collana : problemi attuali
  • Alto Adige. Spartizione subito?
  • La montagna del sole
  • Fatica d'amare
  • In principio era il corpo
  • Le forme del politico: idee della Nuova destra
  • L'eclissi del sacro nella civiltà industriale
  • Fine di un'ideologia: la secolarizzazione
  • Eros, morte ed esperienza religiosa
  • Progettare la felicità?
  • In principio era il corpo
  • La ragazza del ghetto
  • La strategia del gene. Bisogni e sistema sociale
  • Sociologia delle religioni. Problemi e prospettive
  • Giovani sulle strade del terzo millennio. I giovani degli ostelli: tra pellegrinaggio interiore e turismo culturale
  • Prima dell'alba
  • La democrazia impossibile. Monocrazia e globalizzazione della società
  • L' eclissi dell'Europa. Decadenza e fine di una civiltà
  • Dio dopo Dio

BUON ANNO - BUON 2017 PIENO DI CULTURA !!!

Da parte mia, un Buon Anno 2017 !!!

Un anno pieno di soddisfazioni e gioie per tutti Voi !!!!

Un anno pieno di Cultura, di Arte, di Musica!!!!


AUGURI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

venerdì 30 dicembre 2016

MUSICA - I WIENER PHILARMONIKER – ORCHESTRA DI VERA TRADIZIONE

Una vera e unica orchestra di tradizione sono i Wiener Philarmoniker.
Viene conosciuta in Italia come l' Orchestra Filarmonica di Vienna ( Austria ).
La sua sede è la nota sala del ' Musikverein ' in Vienna.
Un orchestra realmente storica, infatti nasce nel 1842 quando Carl Otto Nicolai la cosituisce.
Un orchestra per il periodo ' rivoluzionaria ' perché indipendente, che prendeva le sue decisioni tramite una votazione interna e democratica.
E ancora oggi questi sono i veri principi che regolano questa storica Orchestra.
Logicamente, in base alla sua storia e tradizione son ' passati ' un susseguirsi di grandi direttori d'orchestra.
Alcuni esempi: Hans Richeter, Gustav Mahler ( il noto compositore ), Wilhelm Furtwanlger, Clemens Krauss, Richard Strauss, Karl Bohm, Herbert von Karajan, Geog Solti, Erich, Kleiber, Carlos Kleiber, Leonard Bernstien ( enorme compositore e direttore ), e i nostri italici Claudio Abbado e Riccardo Muti.
Dal Primo Gennaio 1941 questa Orchestra ha dato negli anni, sempre nella data del primo Gennaio il notissimo e affermato concerto di Capodanno.

Una VERA orchestra, un VERO concerto di Capodanno.

Ancora AUGURI di Buon Anno!!!


Il Musikverein : la sede storica dei Wiener Philarmoniker 

ATTUALITA’ – E’ MORTO WILLIAM SALICE, INVENTORE DELL’OVETTO KINDER

Addio all'inventore dell'ovetto Kinder: William Salice si e' spento mercoledi' sera in una clinica di Pavia all'età di 83 anni.

Lo hanno confermato fonti della Ferrero, l'Azienda in cui era entrato nel 1960 come Rappresentante e in cui era stato a lungo uno dei più stretti collaboratori di Michele Ferrero, il papà della Ferrero.
Salice era stato ricoverato in seguito a un ictus. Originario di Torino ma residente da anni nel savonese, il suo nome e' legato all'idea di quell'ovetto di cioccolato con sotto glassa al latte e dentro la sorpresa che ha stregato milioni di bambini in Italia e nel mondo. Lui pero' a questo riguardo si schermiva: '

L'Inventore e' Ferrero io sono l'Esecutore materiale', ripeteva a proposito dell'ovetto Kinder.


Dopo essere andato in pensione nel 2007, negli ultimi anni a Loano si era impegnato con la Fondazione Color Your Life per sviluppare il talento dei giovani con progetti a cui hanno partecipato migliaia di Studenti .

MUSICA - DIFFERENZE TRA FORTEPIANO E PIANOFORTE

Oggi sentendo un cd di ' fortepiano ' mi è venuto in mente che molte persone possono confondere il ' fortepiano ' dal ' Pianoforte '.

Il fortepiano, inventato nel '700 da Bartolomeo Cristofori, è il ' papà ' del Pianoforte moderno, attuale che vediamo e sentiamo nei vari Concerti.

Lo stesso Cristofori è stato, più avanti col tempo, l'inventore del Pianoforte attuale.

Il fortepiano ha 5 ottave, il pianoforte 7.
Il fortepiano è costruito interamente in legno. Il Pianoforte ha la parte centrale dello strumento in metallo.
Il suono è molto diverso, più meccanico e frizzante nel fortepiano, più armonioso nel Pianoforte.
Essendo più meccanico e frizzante, il fortepiano assomiglia come sonorità a quelle di un Clavicembalo.
Entrambi gli strumenti son a percussione di martelletti su corde.
Il repertorio del fortepiano è ' legato ' alla Musica del '700 e del '800. Come Mozart, Haydn, Muzio Clementi, Beethoven.
Il repertorio pianistico è ancora attuale.
Non si compone più, ai nostri giorni per fortepiano ma solo per Pianoforte.

Vi è da dire che nonostante l'invenzione del fortepiano sia stata concepita e realizzata da un italiano, in Italia non ebbe molto successo. La stessa passò in Germania, dove i Silbermann ( noti costruttori di Organi ) modificarono lo strumento e nel 1777 W.A. Mozart in visita nella bottega dei Silbermann ne fu entusiasta e da lì inizio a comporre per Pianoforte.


AUGUSTO DEL NOCE

Augusto Del Noce, nasce nel 1910, muore il 30 Dicembre 1989.
Politologo, Filosofo, Politico italiano.


È stato titolare della Cattedra di "Storia delle dottrine politiche" all'Università La Sapienza di Roma.
Studioso del razionalismo cartesiano e del pensiero moderno ( Hegel, Marx ), analizzò le radici filosofiche e teologiche della crisi della modernità, ricostruendo con cura le contraddizioni interne dell'immanentismo.


Opere :


  • Senso comune e teologia della storia nel pensiero di Enrico Castelli
  • La solitudine di Adolfo Faggi
  • L'incidenza della cultura sulla politica nella presente situazione italiana, in Cultura e libertà
  • Il problema dell'ateismo. Il concetto di ateismo e la storia della filosofia come problema
  • Il problema ideologico nella politica dei cattolici italiani
  • Il problema politico dei cattolici
  • L'epoca della secolarizzazione
  • L'Eurocomunismo e l'Italia
  • Il suicidio della rivoluzione
  • Il cattolico comunista
  • L'interpretazione transpolitica della storia contemporanea
  • Secolarizzazione e crisi della modernità
  • Giovanni Gentile. Per una interpretazione filosofica della storia contemporanea
  • Da Cartesio a Rosmini. Scritti vari, anche inediti, di filosofia e storia della filosofia
  • Filosofi dell'esistenza e della libertà
  • Rivoluzione, Risorgimento, Tradizione. Scritti su l'Europa (e altri, anche inediti)
  • I cattolici e il progressismo
  • Fascismo e antifascismo. Errori della cultura
  • Cristianità e laicità. Scritti su Il sabato (e vari, anche inediti)
  • Pensiero della Chiesa e filosofia contemporanea. Leone XIII, Paolo VI, Giovanni Paolo II
  • Verità e ragione nella storia. Antologia di scritti, Milano
  • Modernità. Interpretazione transpolitica della storia contemporanea

PATTI SMITH

Patricia Lee Smith, nasce a Chicago ( U.S.A. ) il 30 Dicembre 1946.
Cantante e poetessa.

Figura atipica e rivoluzionaria nel Rock degli Anni '70, è stata tra le grandi protagoniste del Proto-Punk e della New-wave.

Il grande carisma interpretativo e la suggestiva potenza delle sue liriche le hanno fatto guadagnare il soprannome di ''sacerdotessa maudit del Rock".

La Rivista ' Rolling Stone ' la inserisce al quarantasettesimo posto nella sua Classifica dei 100 migliori Artisti.


Grandissima Artista, Voce graffiante.

Icona dagli Anni '70 ad oggi.


Discografia :

  • Horses
  • Radio Ethiopia
  • Easter
  • Wave
  • Dream of life
  • Gone again
  • Peace and Noise
  • Gung Ho
  • Trampin'
  • Twelve
  • Banga

Opere Letterarie :

  • Seventh Heaven
  • A Useless Death
  • kodak
  • Early morning dream
  • Witt
  • Ha! Ha! Houdini!
  • Gallerie Veith Turske
  • Babel
  • Woolgathering
  • Early Work: 1970 - 1979
  • The Coral Sea
  • Wild Leaves
  • Strange Messenger
  • Auguries of Innocence
  • Just Kids