Passa ai contenuti principali

Translate

29 GIUGNO - TRADIZIONI PER IL GIORNO DEI SANTI PIETRO E PAOLO

I giorni più lunghi dell'anno sono da sempre considerati magici e propiziatori.

Nella tradizione rurale italiana troviamo, tra le altre, due usanze molto originali che si basano sull'albume dell'uovo.

Sono due usanze dal significato molto differente una dall'altra, ma, comunque, da non perdere nel caos della modernità.


LA BARCA DI SAN PIETRO.
Consiste nell'usanza di porre, nella notte fra il 28 e il 29 Giugno (Festività dei Santi Pietro e Paolo),
un contenitore di vetro riempito d’acqua su un prato e nel far colare nell'acqua un albume d’uovo.

Al mattino seguente si dovrebbero trovare nell'acqua delle strutture, formate dall'albume, che ricordano le vele di una nave.

In considerazione di come apparivano le “vele” si poteva trarre buono o cattivo auspico di come sarebbe stata l’annata agraria.

Il Santo, passando, avrebbe soffiato nel fiasco facendo apparire la sua barca.

Al mattino i bambini correvano a prendere il contenitore dove l’albume si era disposto formando la chiglia, gli alberi maestri, e le vele.

Certo, ce ne vuole di fantasia, ma i più piccoli si immaginavano le funi, le onde e persino il vento che gonfiava le vele; c’è chi ci vedeva addirittura il Santo arrampicato sul pennone dell’albero più alto, impegnato a scrutare l’orizzonte.


L'UOVO DI SAN GIOVANNI
Questa pratica ha un significato divinatorio e si mette in atto la notte tra il 23 e il 24 Giugno.
Per la preparazione di questo tipo di divinazione del futuro, occorre una bottiglia di vetro trasparente, un imbuto, un uovo e acqua di 7 fonti.

SI PROCEDE IN QUESTO MODO:
Per la ricerca della bottiglia iniziare alcuni giorni prima della notte di San Giovanni, ottimo se lo facciamo il giorno 21 inizio del Solstizio d'Estate.
La bottiglia deve essere privata dell'etichetta e lavata per bene, in modo che non restino residui ne
di carta ne del liquido che originariamente essa conteneva.

Procuriamoci un uovo.
Meglio sarebbe se non fosse un uovo di supermercato (lavato e trattato).

Se possibile prendiamolo direttamente dal pollaio pulendolo con un panno asciutto, avendo cura di non bagnarlo e non esporlo troppo alla luce.

Il 23 sera iniziamo il vero e proprio procedimento.
Si prende la bottiglia e si esce alla ricerca di 7 fonti.

Raccogliamo nella bottiglia un poco di acqua da ciascuna fonte avendo l'accortezza di non riempire troppo la bottiglia.
Fatto questo rientrate in casa e prendete il vostro uovo inserite l'imbuto nel collo della bottiglia e spaccate il vostro uovo facendo scivolare l'albume e solo l'albume nella bottiglia.

A questo punto prendete la vostra bottiglia e molto lentamente appoggiatela sul balcone o su una finestra di casa vostra ed esponetela per tutta la notte alla luce della luna.

Il mattino seguente andate a vedere le forme che l'uovo avrà generato nella bottiglia e traetene le vostre interpretazioni.

Le forme si traducono in modo molto semplice.

Date alla forma un significato e letteralmente lo traducete in predizione.

La forma che il bianco dell'uovo avrà assunto nella Bottiglia avrà vita breve e già nel primo pomeriggio la vedrete sciogliersi e raggrumarsi in modo informe verso il collo della bottiglia.


Commenti

Visualizzazioni totali